Waverly Labs lancia Pilot: i magici auricolari traduttori

cuffiette traduttore

Una start-up americana, la Waverly Labs, è in procinto di lanciare un dispositivo potenzialmente innovativo, che potrebbe, finalmente, abbattere le barriere linguistiche. Nascerà, dunque, Pilot: un traduttore automatico, che permetterà agli utenti di lingue diverse, di comunicare facilmente.

Soprannominati comei primi auricolari traduttori  intelligenti“.

Funzionano con l’ausilio di un’applicazione per smartphone e due auricolari. Questo dispositivo, permetterà a due persone che parlano lingue diverse, di comunicare in tempo reale.

Nessun dettaglio tecnico sulla tecnologia è stato fornito dalla società, ma l’unica informazione disponibile, è quella che il prodotto utilizzerà la traduzione integrata all’interno dell’app e necessiterà del bluetooth.

Contenuto non disponibile.
Ti preghiamo di accettare i nostri cookie per una esperienza di usabilità migliore.

Le cuffie, dunque, intercettano le parole pronunciate da ciascuno dei due interlocutori nel rispettivo idioma e le inviano al telefono, il quale tradurrà le parole nella lingua esatta dell’altro e le spedirà al relativo interlocutore.

Lo start-up, che è stato progettato per lavorare offline, quindi senza l’ausilio di internet, sarà in grado di tradurre, inizialmente, inglese, francese, spagnolo e italiano, con l’aggiunta di altre lingue successivamente.

Secondo quanto riportato da Mashable, questi magici auricolari traduttori, costeranno al pubblico tra i 250 e i 300 dollari. Molto meno, circa la metà, per chi li acquisterà in pre-ordine. Il prezzo, inoltre, sarà ancora più conveniente per i primi 100 finanziatori del progetto.

.auricolari traduttori

Le cuffie Pilot non sono il primo esempio di traduttore in tempo reale.

 Microsoft ad esempio, nel 2014, presentò pubblicamente Skype Translator, in grado di far parlare attraverso il suo sistema di comunicazione, due persone di lingua diversa. Questa tecnologia, ad esempio, supporta inglese, francese, tedesco, cinese mandarino, italiano, spagnolo, portoghese e arabo. L’unico problema, è che Skype Translator è di scarsissimo aiuto in caso di conversazioni dal vivo.

Inoltre, c’è Google con la sua app Translate, che permette a due persone di diverse lingue, di comunicare, traducendo le frasi pronunciate, quasi in tempo reale, e ripetendole nella lingua tradotta.

Ti potrebbe interessare: Google Home, l’assistente per la casa!

Potrebbe piacerti anche

0 commenti

Accedi

Registrati

Reimposta la tua password

Alcuni contenuto del sito web usano cookie che, al momento, sono disabilitati. Per una esperienza migliore di usabilità, consigliamo di abilitare i cookie sul nostro sito web. Voglio saperne di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi