Il 151 è ancora fatto?

Quanto tempo prima va richiesto il congedo biennale?

In presenza di particolari e comprovate situazioni personali che rendano impossibile rispettare il termine minimo di quindici giorni, la domanda può essere presentata entro le 48 ore precedenti l’inizio del periodo di astensione. c) Il congedo può essere frazionato anche a giorni.

Quando termina il congedo straordinario?

I familiari di persone con disabilità ai sensi della legge 104/92 hanno diritto al congedo straordinario INPS, un periodo di aspettativa retribuita di durata pari a due anni.

Quanto tempo prima deve essere richiesto il congedo straordinario?

2/2002 e la n. 22/2011 chiariscono che: “ il congedo straordinario deve essere concesso dal datore di lavoro entro 60 giorni dalla richiesta dell’interessato”.

Cosa si può fare con il congedo straordinario?

Secondo la Suprema Corte, quindi, il dipendente che assiste familiare con grave disabilità e fruisce del congedo straordinario retribuito può ritagliarsi degli spazi durante la quotidianità come ad esempio, per andare a fare la spesa, fare una passeggiate.

Quanto tempo prima bisogna chiedere il congedo parentale al datore di lavoro?

Presentazione della domanda per i congedi parentali

Il lavoratore è tenuto – salvo ipotesi di oggettiva impossibilità – a preavvisare il datore di lavoro almeno 5 giorni prima. Per il congedo parentale a ore il periodo di preavviso non deve essere inferiore a 2 giorni.

Come si richiedono i 3 giorni di 104?

Legge 104 INPS: richiesta permessi

La domanda può essere inviata all’INPS: direttamente dall’interessato tramite i Servizi online per il cittadino, facendo l’accesso con SPID, CIE o CNS; tramite Contact Center INPS numero 803.164; tramite patronato.

Come si interrompe il congedo straordinario legge 104?

Solo in caso di malattia o maternità il lavoratore può scegliere se interrompere la fruizione del congedo straordinario; in tal caso la possibilità di godimento, in un momento successivo, del residuo periodo del congedo straordinario, è naturalmente subordinata alla presentazione di una nuova domanda.

Cosa si perde con il congedo biennale?

Durante il periodo indennizzato, dunque, non si perde nulla – o quasi – del proprio stipendio, in quanto il congedo straordinario viene pagato, entro certi limiti, al 100% dell’ultima retribuzione percepita per un massimo di due anni.

Related Post