A Pompei nasce “Caupona”, il primo ristorante archeo-esperienziale!

Caupona, il nuovo ristorante che trasporta nell'antica Pompei romana

Ricette antiche servite in abiti d’epoca:

dai piatti in terracotta agli affreschi, tutto è stato studiato per riprodurre nei minimi particolari le caratteristiche di una locanda della Pompei romana.

Nasce a Pompei, a pochi metri dall’area archeologica, “Caupona” (dal latino, “loc

Da Caupona ricette antiche servite in abiti d’epoca
Da Caupona, il servizio è in abiti d’epoca!

anda, osteria”), il primo ristorante “archeo-esperienziale”, completamente ispirato all’antica città romana distrutta dal Vesuvio, dove un pranzo o una cena diventano una vera e propria immersione negli usi e nei costumi in voga nella Pompei di duemila anni fa.

Tutto è stato studiato e realizzato per riprodurre, fin nei minimi particolari, le caratteristiche di una locanda e di una casa di epoca romana.

Graffiti e scritte elettorali che ricalcano quelle di un'osteria, da Caupona
Graffiti e scritte elettorali che ricalcano quelle di un’osteria.

L’accogliente giardino di “Caupona” riproduce quello di una domus: sulle pareti dell’edificio (ad un solo livello, ottenuto ristrutturando un casale rurale), campeggiano prezziari (in assi e sesterzi), graffiti e scritte elettorali che ricalcano quelle di un’osteria.

L’interno, nella parte dedicata alla gerenza, riprende il Termopolio di Vetuzio Placido; quella dedicata agli ospiti, invece, ripropone la bellissima Domus di Marco Lucrezio Frontone. Tutti i dipinti murali e gli affreschi, sono stati riprodotti a mano, come usavano fare i “copisti” dell’antica Pompei.

Infine, le bevande e i cibi, ovviamente ispirati alle ricette del De Re Coquinaria di Apicio, da “Caupona” vengono serviti in piatti e coppe di terracotta da personale vestito in costumi d’epoca, per rendere l’esperienza, non solo enogastronomica, ancora più unica e coinvolgente.

Spiega l’artista Nello Petrucci:

«Il nostro sogno era quello di far sì che l’esperienza straordinaria della visita all’antica città di Pompei non si interrompesse una volta usciti dall’area archeologica. È una magia che si percepisce nitidamente anche fuori dagli scavi. Per questo abbiamo voluto ricreare quella stessa atmosfera di antico nella città moderna, come se fosse una “estensione” della Pompei di duemila anni fa, con un ambiente capace di “catturare l’anima” di questo luogo meraviglioso. Attraverso “Caupona” e l’esperienza immersiva che intendiamo offrire, vogliamo restituire a Pompei ciò che le appartiene: momenti di cultura e di approfondimento, conoscenza di usi e costumi antichi, gusti e sapori del territorio. Insomma, tutto ciò che ci permette di capire che Pompei è ancora oggi una realtà viva e vitale, capace di parlare ai nostri sensi».

Potrebbe piacerti anche

0 commenti

Accedi

Registrati

Reimposta la tua password

Alcuni contenuto del sito web usano cookie che, al momento, sono disabilitati. Per una esperienza migliore di usabilità, consigliamo di abilitare i cookie sul nostro sito web. Voglio saperne di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi