Cos’è l’elisione delle vocali?

elisione Fenomeno linguistico consistente nella scomparsa di vocale finale davanti a vocale iniziale di parola seguente per evitare che si formi iato. In italiano, dove è segnata con l’apostrofo, è normale negli articoli lo, la, una davanti a vocale e nelle preposizioni articolate composte con lo, la; è antico …

Quando si ha l’elisione?

L’elisione

1)E’ obbligatoria in presenza di articoli determinativi come lo, la una: l’ottuso, l’aratro, un’estate, oppure: 2)In presenza di preposizioni articolate composte come dell’orientamento, all’amica, nell’infinito; 3)In presenza dei termini: questo, bello, di, grande, da, gli, ne, vi, ti, si, mi, santo.

Che cos’è l’elisione esempio?

L’elisione è la perdita (fonetica e grafica) della vocale finale atona di una parola davanti alla vocale iniziale della parola seguente. Nella scrittura va indicata con l’apostrofo: un’attrice, bell’esemplare, quell’uomo.

Quale è la differenza tra troncamento ed elisione?

Il troncamento riguarda la parola in sé, e a differenza dell’elisione non lega la parola con quella successiva. Molto spesso, anzi il più delle volte, troviamo il troncamento davanti a un’altra parola che comincia per consonante.

Quando il troncamento è obbligatorio?

Il troncamento è obbligatorio nei seguenti casi: con uno e composti (alcuno, nessuno, ciascuno, ecc.) davanti a parole maschili inizianti per vocale o consonante (eccetto s impura, z, gn, ps).

Quando si apostrofano lo è la?

L’apostrofo è obbligatorio con l’articolo determinativo maschile singolare lo (l’imbuto, l’oboe; davanti a semiconsonanti abbiamo sempre l’apostrofo, l’uomo, ma lo iodio, piuttosto che l’iodio) e si trova usato sistematicamente anche con il femminile la (l’anima, l’onda, l’iscrizione, piuttosto che la iscrizione).

Related Post