Diagnosi dei tumori: la biopsia digitale è realtà!

Su “Scientific Reports“, rivista del gruppo “Nature“, è stato pubblicato lo studio di due giovani ricercatori italiani, Gianni Medoro e Nicolò Manaresi.

Si tratta della biopsia digitale, ricerca sviluppata dal “Silicon Biosystems Menarini” di Bologna, con una base operativa in San Diego (California). In America è stato annunciato l’accordo con la “Macrogen“, una compagnia coreana per lo sviluppo di programmi di medicina personalizzata, ed è stato siglato il patto di alleanza con “Swift Biosciences” (del Michigan, che si occupa di applicazioni per l’utilizzo del sequenziamento del genoma) come partner.

Le cellule tumorali danno luogo a più modifiche eterogenee, che daranno origine a sottotipi tumorali diversi.

Nicolò Manaresi afferma che almeno in un paziente su sei, i campioni bioptici presentano una percentuale troppo bassa di cellule tumorali per poter valutare tutte le caratteristiche genetiche del cancro. L’adeguatezza è necessaria per poter scegliere la terapia più idonea. Con questa nuova tecnica si potrà disgregare anche un esiguo materiale, prelevato in biopsia, arrivando ad isolare una per una le cellule tumorali, e digitalizzarle mappandone il genoma.

Gianni Medoro, ideatore della tecnologia, chiarisce che le cellule cancerogene libere, analizzate opportunamente tramite il nuovo test, diventano pixel che saranno studiati più agevolmente e con grande precisione, tanto da poterne esaminare le diverse caratteristiche. Dunque, si procede con l’isolare le cellule per gruppi omogenei, mettendole a confronto con quelle sane. Di conseguenza, si può intervenire bloccando tempestivamente la degenerazione delle cellule cancerogene. Le cure potranno essere più specifiche e adattate ad ogni paziente.

Già una prima generazione di strumenti “DEPArray” ha mostrato la possibilità di individuare le differenze genetiche. Il congresso American Society of Clinical Oncology (ASCO) del 2011, in collaborazione con “Johnson and Johnson” ha dimostrato la validità di Silicon Biosystems, metodologia già introdotta in importanti istituti di ricerca internazionali.

Una nuova speranza, ormai a portata di mano!

Fonte: it.blastingnews.com

Potrebbe piacerti anche

0 commenti

Accedi

Registrati

Reimposta la tua password

Alcuni contenuto del sito web usano cookie che, al momento, sono disabilitati. Per una esperienza migliore di usabilità, consigliamo di abilitare i cookie sul nostro sito web. Voglio saperne di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi