Sei pronto a cambiare?

Tutti noi abbiamo delle abitudini che vorremmo cambiare. A volte si tratta di ridurle o eliminarle, come il fumare o il mangiarsi le unghie, altre volte, invece, si tratta di crearle, come il fare esercizio fisico e il mangiare sano.

Gli psicologi ci dicono che un’abitudine, per diventare tale, deve avere una buona ragion d’essere. A volte questi buoni motivi sono coscienti, ma, spesso non sappiamo, come, quando e perchè, questi comportamenti sono entrati a far parte della routin!

Nello specifico, l’abitudine si forma perchè il cervello fa un collegamento tra un evento che scaturisce un comportamento che porta ad una coseguenza positiva. Quindi dov è il problema?

Il problema sta nel fatto che alcune abitudini negative, procurano nell’immediato una conseguenza positiva, cioè alimentano un piacere o allontanano un dolore, ma nel medio e lungo periodo causano dei danni. Si pensi, ad esempio, al fumo, alle droghe o anche al semplice mangiare dei dolci!

Come fare, quindi, per creare una buona abitudine e lasciar andare le cattive?

Gli studi dimostrano che, per creare un’abitudine, servono dai 21 ai 31 giorni. Bene… a questo punto vi propongo 5 domande che dovete assolutamente farvi, quando decidete di voler cambiare qualcosa:

1. Cosa voglio veramente per me? Sembra scontato, ma molte persone non si rendono conto di ciò che vogliono e, di conseguenza, pur mettendocela tutta, non riescono a mettere in atto il piano di cambiamento.

2. Cosa devo cambiare nella mia vita? Una volta risposto alla prima domanda, non resta da capire, ciò che mira contro l’obbiettivo che si vuol raggiungere.

3. Quanto sono disposto a lavorare? I cambiamenti richiedono sempre uno sforzo. Quindi ci si deve mettere in testa che ci vorrà tempo e fatica.

4. Come posso riuscire a tollerare di essere momentaneamente fuori dalla mia zona di confort? Chiaramente, cambiare vuol dire distaccarsi dalla comodità delle proprie abitudini, quindi non mancheranno i momenti di difficoltà. Ma una volta superati questi effetti collaterali, la nuova abitudine positiva resterà.

5. Ne vale veramente la pena? Dal momento che tutto ciò richiede un sforzo non indifferente, dobbiamo capire se, appunto, ne vale davvero la pena. I pro superano i contro? Bene… sei sulla buona strada! 🙂

 

Potrebbe piacerti anche

0 commenti

Accedi

Registrati

Reimposta la tua password

Alcuni contenuto del sito web usano cookie che, al momento, sono disabilitati. Per una esperienza migliore di usabilità, consigliamo di abilitare i cookie sul nostro sito web. Voglio saperne di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi